Riconoscimento da 600 a 3mila euro ai lavoratori impegnati in Emilia-Romagna

Fino a 3mila euro di premio di risultato per tutti i lavoratori impegnati nelle attività straordinarie legate all’emergenza alluvione in Emilia Romagna. È quanto riconoscerà Idrovelox in base ad un accordo di secondo livello firmato con il sindacato Filctem Lecce. L’emergenza ha di fatto incrementato le commissioni per l’azienda di Carmiano, che opera nel campo della manutenzione e del risanamento di reti fognarie. Il premio è ancorato all’incremento del fatturato ed alle presenze di lavoro effettivamente svolte in Romagna (o anche da Carmiano con compiti di coordinamento): sono dati acquisiti, visto che i lavori sono stati già effettuati nelle province di Ravenna e Forlì-Cesena, per conto della committente Hera.

“L’accordo sul premio di risultato rappresenta solo il primo passo di un ragionamento più ampio che vedrà coinvolta tutta la forza lavoro dell’azienda”, afferma Franco Giancane, Segretario Generale della Filctem-Cgil Lecce. “Subito dopo l’estate ci incontreremo per pianificare il premio nei prossimi tre anni e per affrontare anche il tema del welfare aziendale”. Idrovelox, 200 dipendenti, è l’unica azienda tra i cottimisti dell’indotto di Acquedotto Pugliese ad applicare il contratto collettivo Gas/Acqua, in un settore dove si consente agli imprenditori di utilizzare contratti come il multiservizi che nulla hanno a che vedere con il settore idrico integrato. “Le relazioni sindacali in aziende di questo tipo sono sempre stimolanti”, aggiunge il sindacalista. 

Orgoglioso dell’accordo ratificato l’amministratore unico di Idrovelox, Mario Petrelli. “E’ un riconoscimento per il grande lavoro svolto in Emilia Romagna dai nostri collaboratori, sempre sensibili e attenti verso le esigenze della popolazione colpita dall’alluvione. Il team Idrovelox non si è risparmiato in impegno e professionalità. Il lavoro però non si ferma qui, – precisa Petrelli - continueremo a prestare il nostro servizio sino alla risoluzione dei problemi, al fine di ristabilire la sicurezza dei territori e dei cittadini”.